Feminine

E' una serie che vuole omaggiare le donne. Difficilmente le rappresento, sopratutto per rispetto e perché le considero superiori; anche solo per il fatto che generano vita. Nel 2020 ad inizio pandemia, trovai delle foto erotiche vintage. A Firenze non si trovava nè mascherine nè gel sanificante e, in quella follia, volli creare una piccola serie disturbante di 4 lavori che non intendevano offendere il corpo femminile ma creare una sorta di corto circuito fra l'erotismo negato di quelle foto elaborate e la situazione che stava nascendo e che di lì a poco coinvolse tutto il Mondo nella sua  drammatica realtà

nudo acromico che esce da materia acromica
nudo materico che esce dal blu
nudo materico che esce dal nero
nudo materico che esce dal rosso
Nudo blu ( Omaggio a Primo Conti )
a jeanne
Monocromo erotico
no mask no gel
no mask no gel
no mask no gel
no mask no gel

Cardio
astero
machia

Cardio Astero Machia ovvero battaglia fra cuori e stelle. Omaggio a Giacomo Leopardi che scrisse la batracomiomachia ovvero la battaglia fra le rane e i topi che, in forma di satira descrive il fallimento dei Moti rivoluzionari del 1820/21. Con i miei lavori, in forma di satira descrivo l'eterno moto che esiste fra sentimento ( cuori ) e ragione ( stelle )

Cardio Astero Machia 1 di 3
Cardio Astero Machia 2 di 3
Cardio Astero Machia 3 di 3
Cardio Astero Machia

Ritratti

Ritraggo le mani perche' le mani fanno. Il volto non mi comunica niente le mani, invece, mi raccontano vita, lavoro, passioni, età.... ma anche, a leggerle bene, lo status sociale della persona che mi ha chiesto un loro ritratto. Lo stesso Focillon ha scritto "Elogio della mano", e per un artista la mano è tutto.

autoritatti
Autoritratti omaggio a Focillon
Autoritratto
Autoritratti
Autoritratti
Autoritratti
autoritratto
autoritratto semi-concettuale
ritratto di Rebecca e Michele
l'incontro
autoritratto con antipop
autoritratto con accessi
autoritratto che tira i coriandoli
autoritratto psicopatico

Autoritratti

Quando bacio il tuo labbro profumato, cara fanciulla non posso obliare che un bianco teschio vi è sotto nascosto.

Quando a me stringo il tuo corpo vezzoso, obliar non poss’io, cara fanciulla, che vi è sotto uno scheletro nascosto.

E nell’orrenda visione assorto, dovunque o tocchi, o baci, o la man posi, sento sporger le fredde ossa di un morto.

Iginio Ugo Tarchetti

studio di teschio
autoritratto con rosa
autoritratto con rosa

Scritture Automatiche

Le scritture automatiche nascono per una mia semplice necessità: vedere cosa è capace di fare la mia mano senza essere coinvolta dalla ragione. 

Scrittura automatica